Home Uncategorized Kim Jong-un sparisce di nuovo, ma questa volta è diverso

Kim Jong-un sparisce di nuovo, ma questa volta è diverso

0
Kim Jong-un sparisce di nuovo, ma questa volta è diverso


La Corea del Nord potrebbe condurre un settimo test nucleare “in qualsiasi momento”. Questa volta a rilanciare l’allarme è Sung Kim, rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Corea del Nord, dopo che domenica Pyongyang ha testato otto missili balistici.

La Corea del Nord lancia 8 missili balistici Ap

La Corea del Nord lancia 8 missili balistici

Qualsiasi test nucleare di questo tipo sarebbe accolto con una “risposta rapida e decisa”, ha detto ai giornalisti la vicesegretaria di Stato americana Wendy Sherman dopo l’incontro, a Seoul, con le sue controparti della Corea del Sud e del Giappone. Sherman ha sottolineato l’impegno degli Stati Uniti a difendere i suoi alleati e la cooperazione trilaterale in materia di sicurezza per far fronte a una minaccia nucleare crescente dal Nord. Quindi, ha esortato Pyongyang, che ha notevolmente intensificato il ritmo e la portata dei suoi lanci balistici, a cessare di intraprendere “queste azioni provocatorie e destabilizzanti e a impegnarsi sulla via della diplomazia”. 

Durante l’incontro, il ministro degli Esteri sudcoreano Cho Hyun-dong si è incontrato separatamente con il viceministro degli Esteri giapponese Takeo Mori concordando sulla necessità “urgente” di migliorare le relazioni bilaterali. Mori ha anche tenuto colloqui separati con Sherman: hanno concordato di mantenere e rafforzare le sanzioni contro la Russia per l’invasione all’Ucraina e lavorare insieme per affrontare le sfide legate alla Cina.

La vicesegretaria di Stato americana Wendy Sherman dopo l'incontro, a Seoul, con le sue controparti della Corea del Sud e del Giappone Ap

La vicesegretaria di Stato americana Wendy Sherman dopo l’incontro, a Seoul, con le sue controparti della Corea del Sud e del Giappone

Intanto, il presidente sudcoreano, Yoon Suk-yeol, si avvia a visitare la Spagna a fine mese per partecipare al vertice della Nato, in programma il 29-30 giugno a Madrid, in quello che sarebbe il suo primo viaggio all’estero dall’insediamento del 10 maggio. 

Malgrado Seul non faccia parte del Patto Atlantico, come nessun altro Paese asiatico, la presenza di Yoon sarebbe rivolta a esprimere la solidarietà a Usa e nazioni europee nell’opposizione alla brutale invasione della Russia ai danni dell’Ucraina.   

La partecipazione, secondo i media di Seul, non è stata ancora ufficializzata, ma punterebbe anche a sottolineare l’impegno di Yoon e della sua amministrazione a rafforzare i legami con Washington sulla scia del bilaterale avuto a Seul con il presidente americano Joe Biden il 21 maggio.

Il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol al cimitero di Seoul per il Memorial Day Ap

Il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol al cimitero di Seoul per il Memorial Day

Dov’è Kim Jong-un

I 18 lanci di missili nel 2022 e i test di missili intercontinentali, secondo gli analisti, svelano il duplice intento del leader Kim Jong-un di far progredire il suo arsenale e fare pressione sull’amministrazione Biden, scegliendo ancora una volta la via della deterrenza per ottenere concessioni economiche e riduzione delle sanzioni.

Domenica Pyongyang ha lanciato otto missili balistici in mare da più località, gli Stati Uniti e gli alleati asiatici hanno risposto a loro volta con lanci di missili e dimostrazioni con dozzine di aerei da combattimento.

Corea e Usa lanciano missili in risposta agli 8 lanci di missili da parte della Corea del Nord Ap

Corea e Usa lanciano missili in risposta agli 8 lanci di missili da parte della Corea del Nord

Secondo funzionari sudcoreani e statunitensi, il Nord è pronto per un test nucleare, una valutazione questa supportata dall’International Atomic Energy, che conferma movimenti nel sito di Punggye-ri, inattivo da quando ha ospitato il sesto test nucleare del paese nel settembre 2017.

Tuttavia da dieci giorni non si hanno tracce di Kim Jong-un. Secondo i media statali il leader non ha presenziato alla riunione del Politburo in cui si è discusso dell’organizzazione dell’imminente assemblea plenaria del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori programmata per la prima metà di giugno e indetta da Kim stesso anche alla luce dell’emergenza Covid. 

Si è trattato insomma di una riunione organizzativa ma l’assenza del leader non è passata inosservata visto che persino i media locali ne hanno dato notizia. 

Secondo l’analista Cheong Seong-Chang del Sejong Institute della Corea del Sud, potrebbe aver scelto di non partecipare per concentrarsi sui preparativi del settimo test nucleare e sulla stesura dei suoi discorsi per l’assemblea.

La precedente plenaria del partito nordcoreano a dicembre è durata cinque giorni e ha visto Kim rinnovare il proposito di potenziare le capacità militari del suo paese e ordinare la produzione di armi più potenti e sofisticate. 

Secondo gli analisti di Nk News tuttavia Kim Jong-un potrebbe più semplicemente essere in vacanza – magari per allontanarsi dal focolaio Covid a Pyongyang: i suoi mega yacht sono in movimento come risulta dalle immagini satellitari scattate negli ultimi giorni e c’è movimento sulla spiaggia di Wonsan, proprio dove si trova la villa del leader.

Kim Jong-un alla festa per i 90 anni dell'esercito nordcoreano Ap

Kim Jong-un alla festa per i 90 anni dell’esercito nordcoreano

Palloncini con mascherine, vitamine e medicine

Intanto qualcosa sta cambiando con la nuova amministrazione del neo presidente conservatore Yoon Suk-yeol. Ne è convinto Park Sang-hak, il disertore che da anni spedisce palloncini verso il Nord con dentro volantini anti- Pyongyang. Domenica sostiene di averne lanciati migliaia con all’interno mascherine, medicine e vitamine, in violazione della legge sudcoreana, voluta da Moon, che vieta simili manifestazioni.

“Le persone stanno morendo a causa del Covid in Corea del Nord”, ha detto Park Sang-hak, che ha disertato dalla Corea del Nord alla Corea del Sud più di 20 anni fa. “In questo momento, centinaia di migliaia di persone stanno contraendo il virus e migliaia muoiono ogni giorno”. Si è anche detto fiducioso che sotto il presidente conservatore Yoon Suk-yeol, non verrà arrestato di nuovo. “La legge è ancora lì, ma non cercheranno di farla rispettare”, ha detto. “L’attuale presidente come candidato ha dichiarato di essere contrario a questa legge anti-volantini”.

Secondo i funzionari nordcoreani, la situazione Covid è ormai sotto controllo nel Paese con soli due morti nell’ultima settimana. Nonostante le rigide restrizioni ancora in vigore, la maggior parte dei membri riuniti nel Poltburo non indossava la mascherina.

I conti però non tornano: su oltre 4 milioni di casi ci sarebbero stati solo 71 decessi, secondo i dati forniti dalle autorità locali.

Il dissidente Park Sang-hak da anni manda palloncini con dentro volantini anti Pyongyang o soldi verso la Corea del Nord Ap

Il dissidente Park Sang-hak da anni manda palloncini con dentro volantini anti Pyongyang o soldi verso la Corea del Nord



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here