Home Uncategorized Putin ha 2.000 armi nucleari tattiche. Sono il vero incubo per il mondo

Putin ha 2.000 armi nucleari tattiche. Sono il vero incubo per il mondo

0
Putin ha 2.000 armi nucleari tattiche. Sono il vero incubo per il mondo



La Russia ha circa 4.500 testate nucleari nel suo arsenale . Di questi, quelli di maggior rendimento – le armi “strategiche”


Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina lo scorso 24 febbraio, il presidente Vladimir Putin ha innalzato il livello di allerta delle forze nucleari russe e ha lanciato velate minacce nucleari. L’aggressione contro l’Ucraina ha sconvolto l’Europa e il mondo. La guerra è una tragedia per l’Ucraina ed espone anche i limiti della dipendenza dell’Occidente dalla deterrenza nucleare.

La deterrenza – scrive l’autorevole sito Usa www.scientificamerican.com – si riferisce all’idea che il possesso di armi nucleari protegga una nazione dagli attacchi, attraverso la minaccia di una schiacciante rappresaglia. Questo concetto ha contribuito a prevenire la guerra tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda. Tuttavia, l’invasione russa dell’Ucraina getta una luce tetra sui suoi aspetti negativi. La cosa più ovvia è che Putin sta usando la deterrenza nucleare non per proteggere la Russia, ma piuttosto per fare ciò che vuole in Ucraina.

Le armi nucleari della Russia dissuadono l’Occidente dall’intervenire con le forze militari convenzionali per difendere Kiev. Nonostante le richieste di alcuni politici negli Stati Uniti per l’istituzione di una “no-fly zone” su parte o tutta l’Ucraina, l’amministrazione Biden ha saggiamente resistito alla tentazione. Questo significherebbe abbattere gli aerei russi e potrebbe portare alla terza guerra mondiale. Dall’altro lato, le armi nucleari della NATO presumibilmente dissuadono la Russia dall’estendere la guerra ai paesi della NATO, come la Polonia, la Romania o gli stati baltici. Pertanto, l’equilibrio nucleare del terrore probabilmente scoraggia una guerra europea più ampia, ma lascia che l’Ucraina continui a lottare con un supporto limitato e forse alla fine sarà sconfitta. Nel complesso, gli stati della NATO non sembrano molto rassicurati dalla loro decantata deterrenza nucleare. Continuano a preoccuparsi della (remota) possibilità di un attacco convenzionale russo oltre l’Ucraina.





Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here